Valutazione alunni



LA VALUTAZIONE

Per gli alunni dell’Istituto la scansione temporale dell’atto valutativo è stabilita dal Collegio dei Docenti ed è quadrimestrale.  
      

  • La valutazione dell’alunno tiene conto:  

    - Del contesto socio-economico e culturale di provenienza

    - Del livello di partenza

    - Dell’evoluzione in campo fisico-senso-motorio, affettivo-relazionale

      e cognitivo (reali potenzialità)

    - Degli interventi effettuati (recupero, consolidamento, potenziamento,

      approfondimento)

    - Dell’impegno, degli interessi e delle attitudini evidenziati

      (valutazione orientativa)

     

LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE E DEL COMPORTAMENTO

 

Un’ apposita Commissione per la Valutazione ha definito gli specifici parametri e indicatori in base ai quali determinare, in modo trasparente ed univoco, la valutazione del comportamento e del rendimento degli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado.

Per gli alunni della Scuola Primaria, oltre alla valutazione degli apprendimenti nelle singole discipline, viene elaborato un giudizio analitico sul livello globale di maturazione, redatto in base ai seguenti indicatori:

 

   - Socializzazione

   - Autonomia

   - Competenze acquisite

   - Utilizzo dei linguaggi specifici 



VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE E DEGLI APPRENDIMENTI


Voto 10
 

Corrisponde ad un ECCELLENTE raggiungimento degli obiettivi ed è indice di padronanza dei contenuti e delle abilità di trasferirli e rielaborarli AUTONOMAMENTE in un’ottica interdisciplinare. Sarà quindi attribuito agli alunni che dimostrino di possedere una COMPLETA e PERSONALE conoscenza degli argomenti, di aver acquisito PIENAMENTE le competenze previste e di saper fare un uso SEMPRE CORRETTO dei linguaggi specifici, manifestando una sicura padronanza degli strumenti.  


Voto 9 

Corrisponde ad un COMPLETO raggiungimento degli obiettivi e un’ AUTONOMA capacità di rielaborazione delle conoscenze. Sarà attribuito agli alunni che dimostrino di possedere una conoscenza COMPLETA degli argomenti, di aver acquisito le competenze richieste, di usare in modo CORRETTO i linguaggi specifici e gli strumenti.  


Voto 8 

Corrisponde ad un BUON raggiungimento degli obiettivi e ad una AUTONOMA capacità di rielaborazione delle conoscenze. Sarà quindi attribuito agli alunni che dimostrino di possedere una BUONA conoscenza degli argomenti, di aver acquisito le competenze richieste e di saper usare in modo GENERALMENTE CORRETTO i linguaggi specifici e gli strumenti.  


Voto 7 

Corrisponde ad un SOSTANZIALE raggiungimento degli obiettivi e ad una capacità di rielaborazione delle conoscenze NON SEMPRE SICURA. Sarà quindi attribuito agli alunni che dimostrino di possedere una DISCRETA conoscenza degli argomenti, di aver acquisito le competenze FONDAMENTALI richieste, manifestando INCERTEZZE nell’uso dei linguaggi specifici e degli strumenti.  


Voto 6 

Corrisponde al raggiungimento degli obiettivi ESSENZIALI. Sarà attribuito agli alunni che dimostrino di possedere una conoscenza degli argomenti SUPERFICIALE, di aver acquisito le competenze MINIME richieste con INCERTEZZE nell’uso dei linguaggi specifici e degli strumenti.  


Voto 5 


Corrisponde ad un PARZIALE raggiungimento degli obiettivi minimi. Sarà attribuito agli alunni che dimostrino di possedere LIMITATE O NON ADEGUATE conoscenze, di NON aver acquisito le competenze richieste, con difficoltà nell’uso dei linguaggi specifici e degli strumenti.  


Voto 4 

Corrisponde al NON raggiungimento degli obiettivi minimi. Sarà attribuito agli alunni che dimostrino di possedere FRAMMENTARIE E/O NON ADEGUATE conoscenze, LIMITATO uso dei linguaggi specifici e degli strumenti e di NON aver acquisito le competenze richieste, nonostante gli interventi individualizzati.  


Voti 3 - 0 
 

Non vengono utilizzati. 


VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO  

Nella Scuola Primaria, la valutazione del comportamento è espressa tramite

giudizi globali:  Ottimo – Distinto – Buono – Sufficiente – Non Sufficiente.   
 
 

Nella Scuola Secondaria di Primo Grado, la valutazione del comportamento

è invece espressa in decimi:


Voto 10
: partecipazione puntuale, attiva e produttiva. L’alunno/a assume comportamenti adeguati in ogni contesto. Sa organizzarsi.  


Voto 9
: partecipazione costante. L’alunno/a collabora e si relaziona con gli altri nel rispetto delle regole. Sa gestire il materiale scolastico con regolarità.  


Voto 8
: partecipazione generalmente costante. L’alunno/a si relaziona con gli altri in modo accettabile. È abbastanza puntuale nella gestione del materiale.  


Voto 7
: partecipazione non costante. L’alunno/a si relaziona con gli altri in modo non sempre corretto e non sempre nel rispetto delle regole. Non è preciso nella gestione del materiale.  


Voto 6
: partecipazione settoriale. L’alunno/a manifesta poca disponibilità a relazionarsi e a rispettare le regole. Solo qualche volta porta il materiale necessario e i compiti assegnati.
 

Voto 5: partecipazione scarsa. L’alunno/a manifesta gravi mancanze nel rispetto delle regole o reiterati comportamenti nei confronti degli altri e dell’ambiente scolastico.  



In entrambi gli ordini scolastici, vengono tenuti in considerazione i seguenti parametri:  

- Partecipazione alla vita scolastica
 
- Rispetto delle regole 
 
- Rapporto con i compagni 
 
- Rapporto con gli adulti 

- Impegno (regolarità nell’esecuzione dei compiti, cura del materiale scolastico,...)